La corrispondenza

Un film di Giuseppe Tornatore. Con Jeremy Irons, Olga Kurylenko, Simon Anthony Johns, James Warren, Shauna Macdonald – Italia 2016

3Amy Ryan è una giovane studentessa universitaria di astrofisica, fuori corso ormai di qualche anno. Fa anche la stuntwoman, girando scene pericolose per il cinema e la televisione.

Amy ha una relazione con il professor Edward Phoerum, che però è sostanzialmente basata su quotidiani messaggi sul cellulare ed eterne video chiamate su Skype, visto che l’uomo vive ad Edimburgo. I due si vedono solo a cadenza regolare di mesi, nei soggiorni trascorsi a Borgoventoso dove lui ha una seconda casa, o in occasione di conferenze o altri appuntamenti.1

Uno dei loro appuntamenti avrebbe dovuto essere a un convegno di astrofisica nell’ateneo di Amy, ma Ed la avverte che non riuscirà ad essere presente. Amy va ugualmente al convegno, dove scopre che il professor Phoerum nel frattempo è deceduto in seguito a una lunga malattia. Nonostante ciò, inspiegabilmente, continuano ad arrivarle ogni giorno i suoi messaggi. Il professore ha predisposto una rete di complici ed artifici per poter ugualmente essere presente nella sua vita nonostante la sua morte, un po’ come le stelle che nonostante siano spente da tempo per noi sono ancora visibili, perché vediamo la luce da loro emessa secoli fa.

Questo rapporto diventerà con il tempo sempre più surreale, mettendo a dura prova la protagonista. Una cosa del genere è davvero una bellissima prova d’amore o finirà per rivelarsi una oscura maledizione e il morboso attaccamento di un uomo che rifiuta di accettare la realtà?images

Share Button