Via della Lungara, 19 Roma info@donnaascoltadonna.org 06 6880 4195

Rosso come il cielo

Nel 1971, quando la legge italiana ancora negava la scuola pubblica ai non vedenti, Mirco, un ragazzino di 10 anni con la passione per i western, si procura un danno irreparabile alla vista giocando con il fucile del padre. I genitori sono costretti a fargli frequentare un istituto per non vedenti a Genova, dove, sfidando i rigori di un sistema educativo impermeabile alle speranze e al cambiamento, Mirco trova la sua strada imparando a registrare suoni con un vecchio apparecchio a bobine. Un giorno trova un registratore e scopre che può raccontare delle storie fatte di suoni e rumori… Un’esperienza sensoriale nata per gioco, che diventa sempre più importante e che coinvolge gli altri bambini ospiti dell’istituto.

La storia di “Rosso come il cielo” e’ soprattutto questo: un esempio di determinazione e di coraggio, anche quando ci si trova in una situazione di svantaggio.

Vedere, ad occhi chiusi, il mondo, che non è fatto di pura immagine, ma di suoni, vibrazioni, fruscii. Distogliere lo sguardo distratto e imparare a guardare toccando e fantasticando. In un’epoca come la nostra in cui il contatto tra gli uomini sembra relegato al mezzo tecnologico, Rosso come il Cielo “diseduca” all’immagine ed arriva dritto al cuore.

One Comment on “Rosso come il cielo

Rispondi a A WordPress Commenter Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Visit Us On Facebook